Diga Santa Rosalia

Questo lago o più comunemente chiamato diga di Santa Rosalia, è un bacino artificiale creato negli anni ’50 – ’60 per mezzo, appunto, di una diga che interrompe il corso del fiume Irminio e lo raccoglie ai piedi dei monti Iblei.

Si trova in un contesto naturalistico di grande suggestione con sponde che sono molto frastagliate all’interno di un’area boschiva.

E’ abitato da varie specie animali e vegetali, tra cui il Corvo imperiale, il Gheppio e il Nibbio reale.

Le zone di pesca sono facilmente raggiungibili.
La pesca più praticata è quella del persico-trota.
La specie più diffusa è la carpa.

La diga di Santa Rosalia, nel cuore del tavolato ibleo, rappresenta, data anche la sua origine artificiale,un ambiente piuttosto insolito nel contesto paesaggistico dell’area.

Ormai discretamente integrato offre spunti paesaggistici di grande interesse ed invita ad essere visitato in bici lungo la strada che segue un ampio tratto del suo perimetro.

Si trova sulla S.S. 194 tra Ragusa e Giarratana.

Val la pena fermarsi ad osservare i punti in cui le diramazioni del lago si incanalano in stretti valloni e, lungo la riva, gli edifici rurali parzialmente sommersi dalle acque.

Terminata la visita al lago si può sempre scegliere di dare un’occhiata al fiume in uno dei suoi tratti più belli e selvaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You cannot copy content of this page

it_ITItalian